Iran, l’antica Persia

Scarica il programma               

                                       dal 4 al 14 marzo 2017

Il viaggio è stato un entusiasmante itinerario di 11 giorni comprendente i siti più famosi di tutto l’Iran.
            Esso ci ha portato a Teheran con i suoi interessantissimi musei, poi,  in volo ad Ahwaz, nell’ovest del paese, nella pianura Khuzistan, a confine con la Mesopotamia irachena per la visita alle antiche rovine della città elamita di Susa, la Babilonia dell’Iran, alla biblica tomba del profeta Daniele e di Choga Zanbil, sito UNESCO per la sua magnifica “ziqqurat”, il tempio piramidale a gradoni dedicato al dio Inshushinak.
            Si è poi proceduto via terra verso est con sosta a Iseh per un passeggiata tra i bassorilievi elamiti del secondo millennio A.C. successivamente si sono toccate le  imperdibili e rinomate mete classiche quali la regale Esfahan, con le sue cupole turchesi, palazzi, giardini, ponti e bazar la quale evoca più di ogni altra città i fasti dell’antica Persia.
            Il viaggio è continuato nella raffinata Shiraz, la città delle rose e di poeti, e nell’imponente Persepoli, nelle straordinarie tombe di Naqsh e Rostan e nella suggestiva Pasargade, senza tralasciare le città tradizionali, in mattoni di fango e paglia, di Nain e Meybod.
            Un viaggio completo in un paese tranquillo che verrà ricordato non solo per i favolosi monumenti, gli straordinari siti archeologici e gli aspri paesaggi degli altipiani, ma anche per la grande cordialità e l’estrema gentilezza della gente.
 
                                                                                     Prof. Lino Campesato

         

last1

Con il patrocinio di  Cra Brendola Credito Cooperativo     

Organizzazione tecnica:   Elite Viaggi srl

 

Un pensiero su “Iran, l’antica Persia

  1. Teresa Grimaldi says:

    Un tour in Iran è un viaggio fantastico! Io sono rimasta entusiasta per la gente cordiale, gentile e con tanta voglia di comunicare. Visitando i siti mi sembrava di camminare nella storia e pensavo a quando ragazzina studiavo le Guerre Persiane, alle difficoltà di memorizzare quei nomi così strani,Persepoli, Bactriana, Pasargade, Ecbatana….. ed ora in questi ruderi quasi m’immergo , mi tuffo e mi sembra di vivere nello splendido scenario della corte del grande re Dario.
    E’ stato un viaggio meraviglioso, grazie alla bella compagnia , amici di viaggio simpaticissimi che hanno allietato le lunghe ore di percorrenza in corriera e un grazie particolare anche al prof. Lino Campesato, anima del gruppo, e al prezioso supporto di Vittorio Valentini. Teresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *